Categorie
#fotografia Poesia

All’ autunno

Mi sto chiudendo;
come fa un fiore a processo inverso.
Quando un fiore muore, dischiude i suoi petali sino a lasciarli volare verso ciò che lo ha creato, trattenuto, amato: la terra.
Io mi sto chiudendo.
Come fa un fiore lasciato ad essiccare a testa in giù.
Non sto morendo, sto divenendo immortale.
Stefania Memeo

Stefania Memeo

Categorie
Arte

Demenza

“Demenza”
acrilici e carta

Stefania Memeo

Categorie
Arte

Alzheimer

“Alzheimer” è la versione digital di “Demenza”

Stefania Memeo

Categorie
Arte

Diabete

“Diabete”
Acrilico – plastica riciclata – caramelle scadute – carta
Categorie
Curiosità Luoghi storici Storytelling

La differenza tra venditori di libri e biblioteca

Tutti conoscono il diario di Anna Frank. Qualche volta mi sono ritrovata in libreria a spendere fino a 18,00-19,00 euro per un libro che poi mi ha fatto largamente sbadigliare. Perché prendere questo memoriale di parole come esempio?! Un giorno, riflettendo, ho ricordato dell’unica cosa bella che mi piaceva alle medie: andare in biblioteca. A 39 anni ci sono entrata e ho scoperto che si può non essere veicolati da un influencer e trovare un fornitissimo archivio storico di tutti i periodi di guerra. Di diari simili a quelli di A. Frank ce ne sono altri (purtroppo). Non ricordo il titolo ora però ne ho letto scritto da un ragazzino polacco di tredici anni; il suo reportage è lungo circa due anni, poi si interrompe. Come senz’altro la sua vita. Ma non smette di esistere grazie a qualcuno che lo ha ritrovato e portato alla luce le sue parole. Un libro con dentro parole di tutti i giorni, degli spostamenti che dovevano fare per evitare la morte, dell’attesa del padre che ritornava da una pena detentiva di 40 giorni per aver rubato una patata che non era nella lista degli alimenti concessi. Delle proprietà estirpate, rubate, e dei militari che, alcuni erano anche buoni, li sbattevano a destra e a manca fino a togliergli le mutande e poi la vita. Potevano. La legge lo permetteva. Oggigiorno dovremmo aver imparato che quando una legge lede il diritto umano, DEVE essere contrastata. Ma oggi esistono i diari virtuali, certo, in mezzo a guerre che nemmeno ci accorgiamo di vivere. Chissà quale sarà il mio abile scopritore, un domani.

Andate nelle biblioteche, siate liberi.

Stefania Memeo

Categorie
Curiosità Luoghi storici

Un libro per ricordare

“Affondate le navi” grida sui social uno dei portavoce virtuali (io li chiamo così- sconosciuti tra l’altro) di qualcuno che è in politica, riferendosi ai migranti dalla Libia. Qui in foto un libro che ripercorre un pezzo di storia vera, e che si vuole che venga dimenticata. Scritto in modo sincero e senza troppi frozoli, da chi nel 1942 venì mandato a combattere in modo “volontario in Africa.
Buona lettura.

Stefania Memeo

Categorie
#fotografia Arte Curiosità Salute Storytelling

Cammeo della nonroutine

Ho realizzato questo cammeo in nome della bellezza della routine. Il senso è quello di comprendere chi, a causa di problemi di salute non può permettersi una routine. Uno sguardo agli ultimi, come amo spesso fare.

*la routine è bellezza?*

Stefania Memeo

Categorie
#fotografia Ambiente Arte Curiosità Salute

Green

Oggi ho rispolverato alcune vecchie fotografie già editate e ritoccate. Le ho ripastrugnate e ne ho fatto un project che si chiama “Verde petrolio”. Ve le mostro.

Nel dettaglio:

Stefania Memeo

Categorie
#fotografia Ambiente Curiosità Poesia Storytelling

Le stagioni

Troppo calda e sregolata l’estate a dirti senza un alito di vento che abbisogna dell’autunno.
Troppo lacrimoso e nostalgico l’autunno a soffiar piangente e lamentoso ad un orecchio che a tal punto meglio l’inverno.
Troppo rigido e penetrante l’inverno a ghiacciare i pensieri che poi non vedon altro che fiori e api e bici e colori, che il nuovo sole porterà.
Ogni principio termina col principio.
Con le stagioni non c’è mai un inizio.
L’inizio precede la fine. Il principio termina come nasce. Per questo amo più le stagioni delle relazioni. Le stagioni sono l’opposto dell’uomo. Non terminano mai.

“Il fior non si rassegna e pace darsi non può
a dar saluto ultimo a codesto mar che l’estate bació
i suoi petali bagnati coi colori del tempo
a ricordare che d’autunno il vento riempie il cor”.


Ciao estate, sei stata una buona amica, a presto


Stefania Memeo

Categorie
#fotografia Ambiente Arte

Fuori posto/Petrolio

“Fuori posto”
dettaglio
“Fuori posto” – digital painting version –
“Petrolio” – digital –

Stefania Memeo